Opera e lavora nella sua casa-studio nei pressi di Firenze, ha vissuto un percorso artistico intenso con la possibilità di attingere a innumerevoli esperienze.

“Mi interessa il rapporto con la realtà perché osservo i dati che essa mi offre, con l’intenzione di assecondare la loro natura e il loro linguaggio, ma non solo. Gli elementi sono in genere dei pretesti cioè forme e a volte anche simboli, generalmente inconsci. Scelgo di esprimere un messaggio di semplicità pacato e riflessivo, ma non tormentoso o crepuscolare. L’atmosfera nel quadro deve esprimersi in una “pittura del silenzio”, senza clamori o eccessi. Se lo spazio pittorico può avere una vita a se stante, può uscire dalla convenzione temporale e indagare un momento di quel tempo che non vorrei veder scorrere. Il colore vuole uscire dalle forme e condurre a una parziale astrazione: compromesso per ridurre il richiamo alla materia. Ricerco per confrontare tensioni contrapposte, semplicità e complessità quindi rigore formale e dissolvimento della forma. Nel colore adotto contrasti di complementari di freddo caldo… per rendere un movimento che però si esaurisca all’interno del quadro. Con queste premesse la trasformazione nel divenire di un lavoro non è completamente prevedibile: è bene sia così. Consapevole degli orientamenti della moderna pittura (o fine della pittura’ e dei limiti della tradizione), elaboro nelle mie ricerche un intimo e personale rapporto con l’invisibile realtà.
Diceva Cezanne: “Dipingere non significa semplicemente imitare la natura, bensì creare un’armonia fra diverse relazioni, trasporle in un particolare sistema di toni, sviluppandole secondo le leggi di una logica nuova e originale”.
E per concludere, un pensiero di Matisse: “Chi ha veramente qualcosa da dire, vi è spinto dalla sua emozione, che lo porta a fare la sua opera, in rapporto con le sue individuali qualità”.

Formazione

• Scuola di Nudo Accademia di Firenze
• Formazione negli atelier dei pittori altoatesini Gotthard Bonell e Robert Bosisio
• Formazione nell’atelier dell’artista umbro Ernando Venanzi, pittore ufficiale di Casa Grimaldi – Principato di Monaco

 

• Partecipazione al movimento pittorico Antroposofico Steineriano presso la Casa Atelier di Fiorenza de Angelis
• Ricerche nel campo della Psicomagia (A. Jodorowsky)